CANTINE

TENUTA LA CAPPELLA – Aria di casa mia, aria di Verona

28 giugno 2017
foto TENUTA LA CAPPELLA

Ho conosciuto prima il vino e poi il produttore, come spesso accade. Risale tutto allo scorso anno quando ho assaggiato di Chianti Classico del Podere la Cappella al Ristorante La Tenda Rossa di Cerbaia. Ho però avuto modo di incontrare Natascia Rossini solo quest’anno a Vinitaly e lì di scoprire che la sua famiglia è di origine veronese, anzi della Bassa Veronese, esattamente come me.
Finalmente la scorsa settimana sono riuscita a visitare l’azienda e a conoscere chi ha dato origine a quest’avventura: il papà Bruno.

Il podere è stato acquistato circa 35 anni fa ed esattamente nel 1979. La vendemmia per sé e la commercializzazione delle proprie etichette risale però al 1996, in quanto in precedenza l’azienda conferiva le proprie uve a terzi. Una curiosità interessante: quando la famiglia Rossini ha iniziato questa fantastica avventura, Bruno vantava una lunghissima esperienza nel mondo ortofrutticolo veronese ma ha iniziato questa attività completamente ex-novo inserendosi perfettamente nel mondo dei produttori toscani. Oggi ne fa parte a tempo pieno anche Natascia.

La proprietà si estende per circa 50 ettari di cui 12,5 vitati, 1 coltivato a pere (destinate ad un ottimo distillato), 3 piantati ad ulivo per la produzione di olio ed il resto mantenuto a bosco. Tra l’altro quest’ultima parte è rimasta intatta, preservando il carattere selvaggio e brillante delle aree boschive di questa zona meravigliosa.

Le varietà coltivate sono merlot, sangiovese e vermentino che danno origine a 4 + 1 etichette, in quanto il bianco, che veniva prodotto fino al ’99, è stato poi recentemente ripreso con la vendemmia 2014. Il terreno è calcareo ed argilloso e dà origine a vini eleganti e longevi.

Le bottiglie prodotte sono circa 50.000 suddivise tre le varie tipologie di vino. Finiscono ovunque, dagli USA all’Australia, passando per Giappone ed Europa, arrivando persino al Vaticano: forza del Chianti sì, ma anche di questi fantastici Veronesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *